Riflessologia plantare: “sentire” ogni squilibrio a partire dalle nostre radici sul mondo… i nostri piedi

Ognuno di noi è affascinato dalla scoperta dei lati più nascosti della nostra essenza, restiamo sempre molto sorpresi quando qualcuno, da minutissimi particolari del nostro corpo o delle nostre espressioni psico-corporee, riesce a dare una descrizione profonda di noi… e non è magia.

Il nostro corpo racconta di noi, delle nostre emozioni, delle nostre paure, rabbie, preoccupazioni, gioie o tristezze perché ogni emozione scolpisce , forgia e coinvolge parti corporee e la loro funzionalità.

Siamo un tutto che interagisce, corpo e spirito che si alimentano a vicenda, che noi ne siamo consapevoli o meno loro continuano ad interagire come una danza la cui musica è la vita.

Spessissimo ignoriamo i segnali che ci manda il nostro corpo perché troppo impegnati o troppo distratti o per paura di scoprire cose a cui crediamo di non sapere dare risposte.

L’ambizione più alta a cui possiamo aspirare è il raggiungimento dell’equilibrio fisico ed emozionale (omeostasi) grazie al quale il nostro corpo diverrebbe quasi invulnerabile ad ogni male.

Una delle più antiche discipline olistiche, la Riflessologia Plantare, ci aiuta a “sentire” ogni squilibrio a partire dalle nostre radici sul mondo, i nostri piedi .

Con i 7000 recettori e trasmettitori nervosi , i piedi sono direttamente collegati con il cervello e con la stimolazione di determinati punti è possibile arrivare a sollecitare un qualsiasi organo che perdendo il suo equilibrio ci avverte con il dolore.

La frenesia dei nostri giorni nell’affrontare le difficoltà o avversità del percorso di vita, ci porta a livelli di stress che somatizzati si ripercuotono su organi bersaglio ( schiena, fegato, intestino, polmoni, stomaco, cuore…) e sul nostro umore.

Il corpo avverte prima della coscienza questo squilibrio e cerca di avvertirci.

La Riflessologia Plantare aiuta a trasmettere questo messaggio dialogando con la parte più profonda di noi, è un risveglio della coscienza di auto-guarigione, è un colloquio con il cervello attraverso sfioramenti e tocchi, ”parole tattili” che inducono a riportare quel piatto della bilancia nel perfetto equilibrio.

E’ un atto d’amore verso noi stessi, una coccola per la psiche ed una sferzata di energia per il corpo… una “pulizia” che mette d’accordo ogni cellula e ci regala benessere.

 

Testo di Lucrezia Russo

Presidente dell’associazione I Chakra-Benessere Naturale
Docente e formatore nel Corso superiore di Psico-Riflessologia Plantare Dinamica

www.ichakra.it

See more on our section: People